UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI

PROCEDURA DI VALUTAZIONE COMPARATIVA AD UN POSTO DI PROFESSORE UNIVERSITARIO DI RUOLO DI SECONDA FASCIA, INDETTA CON D.R. N. 346 DEL 09.01.2004 DI CUI ALL'AVVISO PUBBLICATO NELLA G.U. N. 3, 4ª SERIE SPECIALE DEL 13.01.2004 FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI, SETTORE SCIENTIFICO-DISCIPLINARE BIO/10 - BIOCHIMICA

 

RELAZIONE RIASSUNTIVA

 

La Commissione, nominata con D.R. n. 845 del 11.05.2004, pubblicato nella G.U. n. 40 - 4ª Serie Speciale - del 21.05.2004, e costituita dai Professori Carlo De Marco, Presidente, Chiara Cini, Carlo Crifò, Niccolò Taddei e Roberto Santucci, Segretario, ha svolto i suoi lavori nei seguenti giorni ed orari:

I riunione: 23 giugno 2004 dalle ore 9,30 alle ore 12,30

II riunione: 28 luglio 2004 dalle ore 9 alle ore 13,15

III riunione: 28 luglio 2004 dalle ore 16 alle ore 19

IV riunione: 29 luglio dalle ore 16,15 alle ore 20

V riunione: 30 luglio dalle ore 9,30 alle ore 12,30

La Commissione ha tenuto complessivamente n. 5 riunioni iniziando i lavori il 23 giugno 2004 e concludendoli il 30 luglio 2004.

Nella prima riunione è stato preso atto che, come comunicato dall’Ufficio Concorsi, hanno inoltrato domanda di partecipazione alla presente valutazione 6 candidati, e precisamente

CARAGLIA MICHELE, nato a Napoli il 18.04.1966

FORLANI FABIO, nato a Roma il 03.08.1963

FORLINO ANTONELLA, nata Voghera il 12.02.1968

LIBERATORI SABRINA, nata a Foiano della Chiana il 27.08.1971

PADIGLIA ALESSANDRA, nata a Cagliari il 28.11.1961

RINALDI ANDREA, nato a Civitavecchia il 16.09.1967

Sono stati quindi identificati i criteri per la valutazione comparativa dei candidati, nonché il calendario delle riunioni successive.

Nella seconda riunione la commissione ha preso atto che hanno inoltrato istanza di rinuncia alla partecipazione alla presente valutazione i candidati Caraglia, Forlani e Forlino. Ha proceduto quindi ad aprire i plichi contenenti le domande e la documentazione dei candidati Liberatori, Padiglia e Rinaldi, ha verificato la regolarità delle stesse, ed ha proceduto a valutare i titoli e le pubblicazioni presentati e ad esprimere i giudizi individuali e collegiali.

Nella terza riunione si è preso atto che si sono presentati a sostenere le prove i candidati Padiglia e Rinaldi, mentre non si è presentata la candidata Liberatori. Si sono formulati i temi per la prova didattica., si sono discusse con i candidati le pubblicazioni scientifiche e si sono formulati i relativi giudizi individuali e collegiali, i candidati hanno estratto il tema per la prova didattica.

Nella quarta riunione si è svolta la prova didattica e si sono formulati i relativi giudizi individuali e collegiali.

Nella quinta riunione si sono formulati i giudizi collegiali finali, approvati all’unanimità, allegati alla presente relazione finale quale parte integrante, All, A e All. B. Poi si è addivenuti unanimemente alla individuazione degli idonei indicati di seguito in ordine alfabetico:

ALESSANDRA PADIGLIA

ANDREA RINALDI

Il Prof. De Marco, Presidente della presente Commissione, si è impegnato a consegnare tutto il materiale dei candidati ricevuto dall'Ufficio Concorsi, gli atti concorsuali (costituiti da tre originali dei verbali delle singole riunioni, dei quali costituiscono parte integrante i giudizi individuali e collegiali espressi su ciascun candidato, e tre originali della relazione riassuntiva dei lavori svolti corredata dai relativi giudizi) ed un floppy disk contenente gli atti stessi, al Responsabile del Procedimento.

 

Cagliari, 30 luglio 2004

 

Letto approvato e sottoscritto seduta stante.

La COMMISSIONE

Prof. Carlo De Marco, Presidente

Prof. Chiara Cini

Prof. Carlo Crifò

Prof. Niccolò Taddei

Prof. Roberto Santucci, Segretario

 

 

ALLEGATO "A " AL VERBALE n. DUE

 

VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE

 

 

CANDIDATO: ALESSANDRA PADIGLIA

 

GIUDIZI INDIVIDUALI:

Commissario: Prof. carlo de marco

La candidata ha svolto continuativamente atttività di ricerca da oltre un decennio, interessandosi di problematiche di attualità nel campo della enzimologia. Ha ottenuto risultati molto interessanti in particolare nella caratterizzazione di alcune aminoossidasi di origine vegetale, e di diverse perossidasi. Ha pubblicato, spesso come primo Autore, oltre una quarantina di lavori su riviste nazionali e internazionali. I 25 lavori prescelti per la presente valutazione sono tutti editi su qualificate riviste internazionali a larga diffusione. Significativa l’attività didattica, espletata negli ultimi anni come titolare di corsi di Biochimica fondamentali per il Corso di Laurea in Biotecnologie Agroindustriali della Facoltà di Scienze.

 

Commissario: Prof. CHIARA CINI

L’attività di ricerca della candidata è qualificata e interessante. Di rilievo i risultati ottenuti nella caratterizzazione della aminoossidasi da Lens esculenta, di cui ha messo a punto metodi originali di purificazione che ne consentono la preparazione in forma omogenea. Ha pubblicato su riviste a larga diffusione internazionale, ha presentato comunicazioni a numerosi Congressi. La attività didattica è qualificante e continuativa.

 

Commissario: Prof. CARLO CRIFO’

L’attività scientifica della candidata ha essenzialmente riguardato lo studio di enzimi di origine vegetale, in particolare amminoossidasi e perossidasi. I risultati ottenuti sono stati pubblicati su note riviste qualificate in cui spesso è primo autore. L’attività didattica è ben documentata e qualificata.

 

Commissario: Prof. ROBERTO SANTUCCI

La candidata ha svolto attività di ricerca senza interruzioni, interessandosi principalmente alla purificazione e caratterizzazione di enzimi, quali amminoossidasi e perossidasi. Particolarmente interessanti gli studi su alcune amminoossidasi di origine vegetale. I risultati delle ricerche sono ben documentati da numerose pubblicazioni a carattere nazionale ed internazionale, in cui la candidata compare spesso come primo autore. I 25 lavori prescelti dalla candidata per la presente valutazione comparativa, sono tutti editi su qualificate riviste a diffusione internazionale. Valida, e pertinente al settore disciplinare oggetto della presente valutazione, l’attività didattica.

 

Commissario: Prof. NICCOLO’ TADDEI

La candidata si è occupata per lungo tempo di tematiche nel campo dell’enzimologia con particolare attenzione allo studio di proteine di origine vegetale come amminossidasi e perossidasi. Le pubblicazioni presentate appaiono in media su riviste scientifiche internazionali di buon livello qualitativo e sono tutte pertinenti al settore BIO/10. La candidata compare come primo nome numerose volte e ciò indica un suo ruolo preminente all’interno del gruppo di ricerca in cui ella opera. L’attività didattica, congruente con il settore biochimica, è abbondante e negli ultimi quattro-cinque anni con ruoli di responsabilità di insegnamento. Emerge, nel complesso, la figura di una ricercatrice matura ed operosa, degna di notevole considerazione ai fini della presente valutazione comparativa.

 

GIUDIZIO COLLEGIALE:

ALESSANDRA PADIGLIA

Nata a Cagliari nel 1961 si è laureata con lode in Scienze Biologiche nel 1989 nella Università di Cagliari. Nella stessa Università ha conseguito nel 1995 la Specializzazione in Tossicologia, nel 1998 il Dottorato di Ricerca in "Biochimica comparata degli ecosistemi". Dal 1997 è Ricercatore Universitario nel s.s.d. BIO/10 presso la Facoltà di Scienze M.F.N della Università di Cagliari. Ha svolto attività di ricerca continuativamente dal 1989 presso l’Istituto di Chimica Biologica, attualmente presso il Dipartimento di Biologia Sperimentale, usufruendo di Borse di studio del CNR, della Regione Sardegna., del Credito Industriale Sardo. Principali temi di ricerca sono stati la caratterizzazione di alcune aminoossidasi di origine vegetale, di perossidasi e perossidodismutasi. Ha studiato l’effetto della laccasi e della ceruloplasmina sulla ossidazione di una particolare neurotossina, la 6-idrossidopamina. I risultati ottenuti sono stati oggetto di numerose pubblicazioni su qualificate riviste a larga diffusione internazionale. Figura come primo autore in 14 delle 25 pubblicazioni prescelte per la presente valutazione. Ha partecipato a numerosi Congressi Nazionali e Internazionali presentando abstracts e comunicazioni. Ha avuto ed ha in atto collaborazioni con diverse Università italiane e con ricercatori Cecoslovacchi e Danesi. E’ stata nominata reviewer di alcune riviste internazionali per la valutazione di lavori scientifici sulle perossidasi e aminoossidasi. Ha partecipato alla attività didattica teorica e pratica nel Corso di Laurea in Scienze Biologiche fin dal 1997. Dall’a.a. 2000/2001 è titolare dell’insegnamento di Biochimica II e di Laboratorio di Biochimica II, insegnamenti fondamentali nel Corso di Laurea in Biotecnologie Agroindustriali.

 

 

CANDIDATO: ANDREA RINALDI

 

GIUDIZI INDIVIDUALI:

Commissario: Prof. carlo de marco

Si tratta di un ricercatore valido e qualificato, che ha acquisito solida e comprovata esperienza nella biochimica di peptidi e proteine, lavorando anche in laboratori stranieri. Ha studiato alcune aminoossidasi a rame, le possibili applicazioni biotecnologiche di alcuni funghi. Le 25 pubblicazioni prescelte per la presente valutazione sono tutte edite su qualificate riviste internazionali, ed in buona parte di esse figura come primo autore.a larga diffusione Di particolare interesse i risultati ottenuti nello studio della attività antimicrobica di peptidi da pelle di anfibi . La sua attività di ricerca e la sua competenza hanno avuto riconoscimento internazionale nel suo coinvolgimento nella attività editoriale di una importante rivista a carattere divulgativo nel campo della biologia. Ha svolto attività didattica integrativa nei Corsi di Biochimica nella Facoltà di Medicina.

 

Commissario: Prof. CHIARA CINI

Il candidato ha svolto attività di ricerca nelle Università in Italia e all’estero. Si è interessato di argomenti attuali di enzimologia. I risultati ottenuti sono stati oggetto di una cinquantina di lavori pubblicati su qualificate riviste internazionali a larga diffusione. In buona parte dei lavori figura come primo autore. Ha svolto attività didattica integrativa nell’ambito del settore disciplinare di competenza. Si tratta nel complesso di un ricercatore molto valido, formato e competente.

 

Commissario: Prof. CARLO CRIFO’

Il candidato mostra una valida ed ampia attività scientifica anche per i vari periodi formativi in Italia ed all’estero. I risultati ottenuti sono ben documentati e spaziano su vari argomenti di biochimica propri delle scienze biologiche e naturali. Di recente i dati più interessanti hanno riguardato lo studio di peptidi da anfibi. Le sue pubblicazioni sono di livello elevato e riguardano articoli divulgativi. Attività didattica ampia e ben documentata.

 

Commissario: Prof. ROBERTO SANTUCCI

Il candidato mostra un curriculum di tutto rispetto, in cui si evince una solida esperienza nello studio di peptidi e proteine, maturata sia in Italia che all’estero. Di interesse i suoi lavori sull’attività antimicrobica di peptidi presenti sulla pelle di anfibi. Negli articoli prescelti per la presente valutazione comparativa, tutti editi su qualificate riviste a carattere internazionale, il candidato compare spesso come primo autore. Buona l’esperienza maturata in ambito didattico, pertinente al settore disciplinare oggetto della presente valutazione.

 

Commissario: Prof. NICCOLO’ TADDEI

L’attività scientifica del candidato si è focalizzata sullo studio delle relazioni struttura-funzione di proteine. Di particolare rilievo appaiono la caratterizzazione delle proprietà di metalloenzimi e, più recentemente, lo studio di peptidi ad attività antimicrobica. Le pubblicazioni presentate compaiono su riviste internazionali mediamente di buon livello e sono pertinenti con il settore BIO/10. Da notare che, comparendo come primo autore numerose volte, il candidato appare rivestire un ruolo di primo piano all’interno del gruppo di ricerca in cui collabora. L’attività didattica è pertinente al settore biochimica e, soprattutto negli ultimi tre anni, è quantitativamente significativa e non solo di tipo integrativo. Da ciò emerge la figura di un ricercatore che si è affermato ed è perciò meritevole di attenta considerazione ai fini della presente valutazione comparativa.

 

GIUDIZIO COLLEGIALE:

Nato a Civitavecchia nel 1967, si è laureato con lode in Scienze Naturali nel 1991 nella Università di Siena, ha con seguito il Dottorato di Ricerca nel 1996 nella Università di Roma La Sapienza.

Titolare di contratti di ricerca negli anni 1996-99, dal luglio 1999 è Ricercatore presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia della Università di Cagliari.

Negli anni 1988, 1991,1992, 2000 ha frequentato per alcuni mesi importanti laboratori universitari di ricerca in Olanda, Francia, USA, Finlandia.

Dal 2001 è External Editor della rivista Trends in Biochemical Sciences, con l’incarico di redigere articoli di commento su scoperte recenti di interesse per la comunità biochimica internazionale. E’ ad hoc reviewer per l’European Journal of Biochemistry, Physiologia Plantarum. Ha recensito pubblicazioni scientifiche per la rivista Le Scienze.

Ha sviluppato collaborazioni scientifiche con diverse Università italiane e straniere.

Dal 1994 ha pubblicato una cinquantina di lavori scientifici in buona parte dei quali è primo autore. Ha presentato comunicazioni ad una trentina di Congressi nazionali e internazionali.

Le 25 pubblicazioni prescelte per la presente valutazione sono tutte edite su qualificate riviste internazionali a larga diffusione. Temi principali di ricerca sono stati lo studio della attività antimicrobica di peptidi estratti da pelle di anfibi, la caratterizzazione di aminossidasi a rame, le possibili applicazioni biotecnologiche di organismi fungini.

Ha svolto e svolge attività didattica integrativa per i Corsi di Biochimica nella Facoltà di Medicina di Cagliari, ed è docente incaricato di Chimica Medica e Biochimica nei Diplomi Universitari, ora Lauree brevi, per Ostetrico e per Ortottista della Facoltà di Medicina.

Si tratta nel complesso di un ricercatore valido ed affermato che ha maturato una solida e comprovata esperienza nella biochimica di peptidi e proteine, riconosciuta anche in campo internazionale.

ALLEGATO " B" AL VERBALE n. TRE

 

Giudizi sulla discussione dei titoli

CANDIDATO: ALESSANDRA PADIGLIA

 

GIUDIZI INDIVIDUALI:

Commissario: Prof. carlo de marco

La candidata ha dimostrato piena padronanza delle tematiche studiate e delle metodiche utilizzate. Ha discusso con capacità critica i risultati ottenuti, interagendo con la Commissione in maniera piana e disinvolta, e dando precise indicazioni sui chiarimenti richiesti.

 

Commissario: Prof. CHIARA CINI

Ha illustrato con competenza i risultati ottenuti, mettendo in evidenza autonomia di giudizio e capacità critica. Ha descritto con precisione alcuni principi delle metodiche utilizzate e la loro validità e affidabilità.

 

Commissario: Prof. CARLO CRIFO’

La candidata ha discusso con grande padronanza i dati da lei ottenuti. Alle domande di chiarimenti dei commissari ha risposto in modo esauriente mostrando di avere programmi di sviluppo nella sua ricerca.

 

Commissario: Prof. ROBERTO SANTUCCI

La candidata ha discusso con competenza gli argomenti oggetto della sua ricerca, ed ha illustrato esaurientemente le metodiche utilizzate.

 

Commissario: Prof. NICCOLO’ TADDEI

La candidata illustra in modo chiaro ed esaustivo i principali risultati delle proprie ricerche. Particolarmente apprezzabili la brillantezza dell’eloquio e la puntualità delle risposte ai quesiti dei commissari.

 

GIUDIZIO COLLEGIALE:

La candidata ha illustrato con chiarezza le ricerche effettuate ed i risultati ottenuti, dimostrando ottima preparazione di base in campo biochimico e piena padronanza e approfondita conoscenza degli argomenti oggetto dei suoi studi. Ha descritto in dettaglio le metodiche utilizzate, e la loro coerenza con le ipotesi di lavoro impostate. Ha interagito con la Commissione con capacità critica ed autonomia di giudizio.

 

 

CANDIDATO: ANDREA RINALDI

 

GIUDIZI INDIVIDUALI:

Commissario: Prof. carlo de marco

Il candidato ha illustrato in modo chiaro ed esauriente le finalità delle sue ricerche ed i risultati ottenuti, dimostrando piena padronanza delle tematiche studiate. Ha discusso con la Commissione su alcune delucidazioni richiestegli con seria capacità critica. Il giudizio è pienamente positivo.

 

Commissario: Prof. CHIARA CINI

Ha discusso i risultati delle sue ricerche interagendo in modo più che positivo con i componenti della Commissione, e mettendo in chiara evidenza la padronanza delle metodiche utilizzate e la propria autonomia di giudizio.

 

Commissario: Prof. CARLO CRIFO’

Il candidato ha esposto con chiarezza le linee principali delle ricerche svolte e delle sue collaborazioni attuali e future. Ha risposto con grande competenza alle richieste di chiarimenti formulate.

 

Commissario: Prof. ROBERTO SANTUCCI

Il candidato espone con chiarezza le linee principali della propria ricerca. Apprezzabile la proprietà di linguaggio e la competenza con cui risponde alle domande dei commissari.

 

Commissario: Prof. NICCOLO’ TADDEI

Il candidato discute approfonditamente i risultati dei suoi studi dimostrando una rimarchevole competenza nel campo. Illustra inoltre con entusiasmo e puntualità i possibili risvolti futuri delle proprie ricerche.

 

GIUDIZIO COLLEGIALE:

 

Nella discussione dei titoli il Candidato ha mostrato ottima preparazione di base, piena padronanza delle tematiche studiate e delle metodiche utilizzate e spiccata capacità critica. Il giudizio unanime della Commissione sulla attività di ricerca e sulla sua autonomia è pienamente positivo.

 

ALLEGATO "A" AL VERBALE n. QUATTRO

 

Giudizi sulla prova didattica

CANDIDATO: ALESSANDRA PADIGLIA

 

GIUDIZI INDIVIDUALI:

Commissario: Prof. carlo de marco

La candidata ha esposto in maniera piana e consequenziale l’argomento della lezione, impiegando correttamente il tempo assegnatole. Ha dimostrato valida capacità didattica e padronanza del linguaggio.

 

Commissario: Prof. CHIARA CINI

La candidata ha esposto la lezione con chiarezza e sicurezza, mostrando buona conoscenza dell’argomento assegnatole. Il materiale di supporto visivo, ben preparato, ha contribuito a rendere l’esposizione piacevole da seguire. Nel complesso la lezione è risultata didatticamente efficace.

 

Commissario: Prof. CARLO CRIFO’

La candidata ha esposto l’argomento assegnatole con chiarezza ed in modo didatticamente valido. Il materiale utilizzato è risultato chiaro e gli argomenti sono stati presentati con sequenza logica nei tempi concessi.

 

Commissario: Prof. ROBERTO SANTUCCI

La candidata ha esposto la lezione con competenza, chiarezza, e buona sicurezza. Valido il materiale didattico utilizzato. Ben rispettato il tempo assegnatole.

 

Commissario: Prof. NICCOLO’ TADDEI

La candidata svolge la lezione in modo chiaro, centrando l’argomento proposto. I tempi sono rispettati, l’espressività è valida, e l’efficacia didattica risulta, nel complesso, buona.

 

 

GIUDIZIO COLLEGIALE:

La candidata ha illustrato il tema proposto con chiarezza, dimostrando valida capacità didattica e piena conoscenza dell’argomento.

 

 

CANDIDATO: ANDREA RINALDI

 

GIUDIZI INDIVIDUALI:

Commissario: Prof. carlo de marco

Il candidato ha esposto l’argomento con dettagli di informazione, dimostrando piena conoscenza della materia e buona capacità didattica.

 

Commissario: Prof. CHIARA CINI

Lezione svolta con competenza, esposta con chiarezza, e ben strutturata nel succedersi degli argomenti. Il buon materiale di supporto visivo contribuisce a rendere la lezione didatticamente efficace.

 

Commissario: Prof. CARLO CRIFO’

Il candidato ha affrontato il vasto tema oggetto della lezione utilizzando ottimo materiale didattico. Ha mostrato di conoscere a fondo i moderni problemi affrontati, esposti con chiarezza nei tempi concessi.

 

Commissario: Prof. ROBERTO SANTUCCI

Il candidato ha svolto la lezione in modo chiaro ed esauriente. Valido il materiale di supporto utilizzato.

 

Commissario: Prof. NICCOLO’ TADDEI

Il candidato svolge la lezione con chiarezza e continuità, mostrando una sicura conoscenza dell’argomento. Apprezzabile il materiale utilizzato. Nel complesso, una prova di buona efficacia didattica.

 

 

GIUDIZIO COLLEGIALE:

Il candidato ha esposto l’argomento della lezione con buona sequenzialità logica dei vari punti in successione. Ha dimostrato buona attitudine alla didattica.

 

 

 

ALLEGATO "A" ALLA RELAZIONE RIASSUNTIVA

 

Candidato ALESSANDRA PADIGLIA

 

GIUDIZIO COLLEGIALE FINALE

Nata a Cagliari il 28.11.1961 si è laureata con lode in Scienze Biologiche nel 1989 nella Università di Cagliari. Nella stessa Università ha conseguito nel 1995 la Specializzazione in Tossicologia, nel 1998 il Dottorato di Ricerca in "Biochimica comparata degli ecosistemi". Dal 1997 è Ricercatore Universitario nel s.s.d. BIO/10 presso la Facoltà di Scienze M.F.N della Università di Cagliari. Ha svolto attività di ricerca continuativamente dal 1989 presso l’Istituto di Chimica Biologica, attualmente presso il Dipartimento di Biologia Sperimentale, usufruendo di Borse di studio del CNR, della Regione Sardegna, del Credito Industriale Sardo. Principali temi di ricerca sono stati la caratterizzazione di alcune aminoossidasi di origine vegetale, di perossidasi e perossidodismutasi. Ha studiato l’effetto della laccasi e della ceruloplasmina sulla ossidazione di una particolare neurotossina, la 6-idrossidopamina. I risultati ottenuti sono stati oggetto di numerose pubblicazioni su qualificate riviste a larga diffusione internazionale. In 14 delle 25 pubblicazioni prescelte per la presente valutazione figura come primo autore. Ha partecipato a numerosi Congressi Nazionali e Internazionali presentando abstracts e comunicazioni. Ha avuto ed ha in atto collaborazioni con diverse Università italiane e con ricercatori cecoslovacchi e danesi. E’ stata nominata reviewer di alcune riviste internazionali per la valutazione di lavori scientifici sulle perossidasi e aminoossidasi.

Ha partecipato all’attività didattica teorica e pratica nel Corso di Laurea in Scienze Biologiche fin dal 1997. Dall’a.a. 2000/2001 è titolare dell’insegnamento di Biochimica II e di Laboratorio di Biochimica II, insegnamenti fondamentali nel Corso di Laurea in Biotecnologie Agroindustriali.

Nella discussione dei titoli ha mostrato approfondita conoscenza delle tematiche trattate, piena padronanza delle metodiche utilizzate e capacità critica nella interazione con i membri della Commissione.

La prova didattica ha messo in chiara evidenza le capacità didattiche e la consuetudine acquisita nella esposizione di argomenti anche complessi.

Si tratta in definitiva di un ricercatore valido ed affermato, dotato di piena autonomia e di capacità organizzative.

 

 

 

Candidato ANDREA RINALDI

 

GIUDIZIO COLLEGIALE FINALE

 

Nato a Civitavecchia nel 1967, si è laureato con lode in Scienze Naturali nel 1991 nella Università di Siena, ha conseguito il Dottorato di Ricerca nel 1996 nella Università di Roma La Sapienza.

Titolare di contratti di ricerca negli anni 1996-99, dal luglio 1999 è Ricercatore presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia della Università di Cagliari.

Negli anni 1988, 1991, 1992, 2000 ha frequentato per alcuni mesi importanti laboratori universitari di ricerca in Olanda, Francia, USA, Finlandia.

Dal 2001 è External Editor della rivista Trends in Biochemical Sciences, con l’incarico di redigere articoli di commento su scoperte recenti di interesse per la comunità biochimica internazionale. E’ ad hoc reviewer per l’European Journal of Biochemistry, Physiologia Plantarum. Ha recensito pubblicazioni scientifiche per la rivista Le Scienze.

Ha sviluppato collaborazioni scientifiche con diverse Università italiane e straniere.

Dal 1994 ha pubblicato una cinquantina di lavori scientifici in buona parte dei quali è primo autore. Ha presentato comunicazioni ad una trentina di Congressi nazionali e internazionali.

Le 25 pubblicazioni prescelte per la presente valutazione sono tutte edite su qualificate riviste internazionali a larga diffusione. Temi principali di ricerca sono stati lo studio della attività antimicrobica di peptidi estratti da pelle di anfibi, la caratterizzazione di aminossidasi a rame, le possibili applicazioni biotecnologiche di organismi fungini.

Ha svolto e svolge attività didattica integrativa per i Corsi di Biochimica nella Facoltà di Medicina di Cagliari, ed è docente incaricato di Chimica Medica e Biochimica nei Diplomi Universitari, ora Lauree triennali, per Ostetrico e per Ortottista della Facoltà di Medicina.

Nella discussione dei titoli ha mostrato ottima preparazione di base, piena padronanza delle tematiche studiate e delle metodiche utilizzate e spiccata capacità critica.

Nella prova didattica, svolta con logica consequenzialità nelle descrizioni e nelle argomentazioni, ha confermato la preparazione di base ed ha dimostrato buone capacità didattiche.

Si tratta nel complesso di un ricercatore valido ed affermato che ha maturato una comprovata esperienza nella biochimica di peptidi e proteine, riconosciutagli anche in campo internazionale.